KAISER KUO: la nuova Cina digitale e l’impatto delle tecnologie sull’economia del Paese.

KAISER KUO

Meet the Media Guru guarda all’Asia: 

la nuova Cina digitale e l’impatto delle tecnologie 

sull’economia del Paese.

 

30 maggio 2013 - ore 19:30

Mediateca Santa Teresa, Via della Moscova 28 – Milano

 

Meet the Media Guru – ciclo di incontri sulla cultura digitale e sull’innovazione realizzato dalla Camera di Commercio di Milano in collaborazione con Regione Lombardia, Fondazione Fiera Milano e Provincia di Milano -  giovedì 30 maggio porta a Milano uno degli opinion leader più influenti della Cina - Kaiser Kuo - direttore della comunicazione internazionale di Baidu, il più importante motore di ricerca Cinese.

Kuo racconta, a Meet the Media Guru, lo sviluppo di Baidu e le sue strategie internazionali, evidenziando quali siano gli elementi chiave per capire l’ecosistema dei social media in Cina e di come le tecnologie digitali stiano impattando il sistema economico dell’Impero di Mezzo.

La Cina digitale cresce con estrema velocità e i numeri lo dimostrano: a fine 2012 contava 564 milioni di utenti internet con una crescita del 3,8% all’anno precendente. E tra questi, il numero di coloro che utilizzano il cellulare per accedere ad internet è passato in un anno (dal 2011 al 2012) dal 69,3% al 74,5%. E ancora, i domini dei siti internet in Cina continuano a crescere vertiginosamente e sono, ad oggi, arrivati a 2,68 milioni. Un altro dato significativo riguarda l’e commerce: il numero di compratori online ha raggiunto, sempre nel 2012, la cifra di 242 milioni con un incremento, rispetto all’anno precedente, del 28,8%. 

Sono cifre che fanno riflettere e che spostano l’attenzione verso un nuovo mondo digitale, quello orientale, che in occidente ancora poco si conosce ma che cresce, si espande e stimola le imprese a guardare verso questa nuova frontiera. Baidu, che impiega 21.786 persone e conta 100 milioni di utenti attivi sui servizi mobile, rappresenta uno dei protagonisti emergenti della nuova scena digitale cinese insieme a un variegato panorama di social media e piattaforme di e-commerce sempre più utilizzate dalla popolazione orientale. Si chiama Tencent il colosso cinese del web nell’ambito dei social network, dei giochi on line e dell’e-commerce oltre ad essere uno dei principali investitori in start up ad alto contenuto tecnologico. E WeChat, è l’app per smartphone di instant messagging, da Tencent ideata, che spopola tra i cinesi con oltre 300 milioni di utenti. 

Il futuro (prossimo) - sostiene una ricerca della testata specializzata Tech in Asia, è la telefonia mobile che supererà l’accesso ad internet da desktop, prefigurando quella che verrà definita, a breve, la vera mobile economy.

Di questo e molto altro parlerà l’ecclettico Kaiser Kuo, nella sua “lecture” alla Mediateca di Santa Teresa, offrendo lo spaccato di una Cina digitale, i cui processi di cambiamento e di evoluzione accellerati,  testimoniano un ricco e variegato ecosistema digitale da osservare, conoscere e con il quale relazionarsi.

Pier Andrea Chevallard, Segretario Generale della Camera di Commercio di Milano ha dichiarato: “Milano punta sull’innovazione e sul settore digitale. L’incontro con i protagonisti internazionali, a partire dalla Cina, offre alle nostre imprese una maggiore apertura e conoscenza in questo settore, centrale per la competitività e per lo sviluppo”.

Maria Grazia Mattei, ideatrice del ciclo di incontri sottolinea: Meet the Media Guru si conferma come terreno di idee e riflessioni a passo con i tempi, anzi in anticipo su essi. Con questo appuntamento, MTMG mette in risalto il mondo digitale asiatico per capirne differenze, sviluppi e potenzialità e per aprire un dialogo (digitale ma non solo) tra occidente e oriente.  Il “Dragone Digitale” sta crescendo a passi rapidi e sta diventando fonte di innovazione da osservare con estrema attenzione. Kaiser Kuo, più di ogni altro può raccontarci che cos’è e a che punto è, oggi,  la Cina digitale.

Kaiser Kuo è direttore della comunicazione internazionale di Baidu, motore di ricerca leader in Cina. Prima di unirsi a Baidu, è stato direttore delle strategie digitali per Ogilvy & Mather China e  - prima ancora - è stato a capo dell’ufficio cinese di The Red Herring, noto magazine della Silicon Valley dedicato a business e tecnologia. Kuo si è laureato in scienze politiche alla UC di Berkeley, e ha ottenuto un master in East Asian Studies presso l’Università dell’Arizona.  Appassionato e acuto osservatore della Cina, dal 2001 al 2011 ha scritto una rubrica mensile intitolata "Ich Bin Ein Beijinger" per una rivista cinese in lingua inglese ed attualmente conduce  il popolare Sinica Podcast, una discussione settimanale sull’attualità cinese che ospita eccellenze giornalistiche, accademiche e opinionisti. Kuo è  stato inoltre il co-fondatore di Tang Dynasty, la prima band cinese di Heavy Metal, nella quale ha suonato dal 1988-1989 e dal 1996 al 1999. Attualmente è parte di Chunqiu, altra band metal di Pechino. 

L’ingresso all'incontro è libero sino ad esaurimento posti.

L’accesso alla sala incomincia alle ore 19.00. 

L’iscrizione è obbligatoria. 

Per registrarsi: www.meetthemediaguru.org 

 

 

MEET THE MEDIA GURU è il programma di incontri con i protagonisti internazionali della cultura digitale e dell'innovazione, nell’ottica di individuare, analizzare e discutere i nuovi trend destinati ad avere un forte impatto sulla vita e sul lavoro, sul modo di relazionarsi e di fare business. Nato nel 2005, Meet the Media Guru è diventato negli anni un appuntamento costante di dibattito con le voci più rappresentative della cultura new media e dell’innovazione.

http://www.meetthemediaguru.org/

Realizzato dalla Camera di Commercio di Milano, in collaborazione con Regione Lombardia, Fondazione Fiera Milano, Provincia di Milano e Mediateca Santa Teresa

 

Media partner  Mentelocale / Rai5

Partner tecnico New Vision

Partner internazionale Digifest Toronto

Con il supporto di Andrey Golub / AiEP / Centoblog / Chiara Diana / Digifest / Effecinque / JingleBell / Mentelocale / Paolo Iabichino / Paolo Sacchi / RAI 5 / SNID / Thyme / Uramaki  

 

CHE STORIE! OGGETTI, MITI E MEMORIE DAI MUSEI E DAGLI ARCHIVI D'IMPRESA 11 APRILE - 12 MAGGIO 2012 PALAZZO DELLA RAGIONE, PIAZZA MERCANTI 1 - MILANO

CHE STORIE!

OGGETTI, MITI E MEMORIE DAI MUSEI E DAGLI ARCHIVI D'IMPRESA

11 APRILE - 12 MAGGIO 2012

PALAZZO DELLA RAGIONE, PIAZZA MERCANTI 1 - MILANO

 

Milano, 10 aprile 2013 - Si inaugura oggi  la mostra “Che storie! Oggetti miti e memorie dai musei e dagli archivi d’impresa”, promossa dal Comune di Milano - Cultura - Palazzo della Ragione, e da Museimpresa - Associazione Nazionale Musei e Archivi d’Impresa e organizzata in occasione del Salone del Mobile – Fuori Salone. Un vero e proprio percorso nel “made in Italy” attraverso le collezioni delle più importanti aziende del nostro Paese.  La mostra, a ingresso libero, è ospitata a Palazzo della Ragione di Milano, dall’11 aprile al 12 maggio 2013.

L’esposizione, che in Milano trova le sue radici storiche profonde quale culla dell’imprenditorialità, rappresenta un affascinante viaggio alla scoperta delle ricche collezioni di circa 50 musei e archivi d’impresa italiani: un viaggio che accompagna nella rievocazione di storie straordinarie di uomini, imprese e oggetti che hanno lasciato il segno nella nostra società e nella nostra cultura e che insieme hanno contribuito a fare del “made in Italy” una sorta di marchio che tutti ci invidiano.

La mostra, curata da Davide Ravasi - Professore di Management presso la Cass Business School di Londra -, si snoda attorno a quattro aree tematiche: la prima si concentra sulla Storia e la Memoria delle imprese e su come i musei e gli archivi tengano traccia dei cambiamenti documentando l’evoluzione, negli anni (con materiale fotografico, immagini, oggetti), della cultura materiale della nostra società. La seconda sezione tocca i temi del Mito e della Passione evidenziando come alcuni prodotti del made in Italy (citando a titolo di esempio la macchina da caffè anni 50, la Ferrari, la Vespa) siano diventati veri e propri oggetti culturali  carichi di valenze simboliche e parte di un immaginario collettivo nazionale e internazionale. Segue la sezione Scoperta e Meraviglia dedicata al mondo che sta dietro agli oggetti che usiamo quotidianamente senza mai chiederci da dove vengano, come siano stati progettati e prodotti e di come siano arrivati fino a noi. Anche in questo caso, musei e archivi d’Impresa, raccontano storie curiose e poco conosciute. La quarta e ultima sezione Identità e Innovazione testimonia, invece, come i musei e gli archivi di impresa siano da una parte luoghi preziosi di conservazione e valorizzazione di una risorsa difficilmente imitabile come l’eredità storica e culturale dell’impresa stessa e, dall’altra, una preziosa fonte di ispirazione nello sviluppo di nuove strategie aziendali, offrendo anche lo spunto per iniziative volte a rafforzare il senso di appartenenza ad un insieme di valori che affonda le radici in una storia condivisa.

Una quinta sezione è rivolta alla valorizzazione di Museimpresa – Associazione Italiana dei Musei e Archivi d’Impresa, nata a Milano nel 2001 per volontà di Assolombarda, con l’obiettivo di individuare, promuovere e mettere in rete le imprese che hanno scelto di privilegiare la cultura nelle proprie strategie di comunicazione, come strumento di sviluppo economico e valore aggiunto per l’azienda.

 

 

 

Non vecchi oggetti e carte polverose, quindi, ma un mondo sorprendente che offre la possibilità al visitatore di tuffarsi negli ultimi 100 anni di storia, attraverso materiale filmico e fotografico, oggetti e prototipi, bozzetti, manifesti, lettere e disegni provenienti dalle collezioni delle più importanti aziende del nostro Paese, passando dal food e beverage, ai motori, dalla moda al design .

La mostra espone solo una piccola ma significativa parte di raccolte che, prese tutte insieme, offrono uno straordinario affresco dell’evoluzione della società nell’ultimo secolo e ci ricordano il ruolo fondamentale che il mondo dell’impresa ha avuto nel formare e arricchire la nostra cultura. In questa cornice è facile cogliere l’importanza che i musei e gli archivi d’impresa rivestono nel conservare e valorizzare questo ricchissimo patrimonio storico.

In occasione della mostra saranno, inoltre, disponibili alcuni racconti sonori - realizzati dagli ideatori e dai produttori di Destini Incrociati e Magnifici Destini in onda su Radio24 – che andranno ad arricchire di contenuti la mostra. Potranno sia essere ascoltati all’interno dello spazio espositivo sia fruiti attraverso il sito di Museimpresa e il portale di racconti Portlandradio.net. Un modo diverso di vedere e vivere la mostra stessa, di allargare a nuovi pubblici, lasciandosi guidare dalle storie degli oggetti esposti e degli uomini che li hanno immaginati.

La parte multimediale è stata sviluppata dalla Riccardo Mazza / Interactive Sound; la parte grafica è stata realizzata da Thomas Berloffa Design Studio,  mentre l’allestimento da Sermedia.

La mostra è patrocinata dal Ministero dei Beni Culturali e da Assolombarda, in collaborazione con MinaDesign, azienda specializzata nella creazione di prodotti e accessori di design per il food e il beverage.

 

INFO

www.museimpresa.com

www.comune.milano.it/palazzoreale

 

Ufficio Stampa Museimpresa

Manzoni22

Silvia Introzzi - Camilla Palma

Tel. 031.303482 - 92

www.manzoni22.it

 

 

 

Meet the Media Guru Focus: Carlo Ratti con Fabio Novembre

MEET THE MEDIA GURU FOCUS

 

ON THE FUTURE OF…

 FURNITURE AND OTHER THINGS

ne parlano CARLO RATTI E FABIO NOVEMBRE

 

 

SABATO 13 APRILE 2013 – ore 19

Museo Bagatti e Valsecchi

Via Gesù 5 – Milano

Ingresso libero fino a esaurimento posti

 

 

 

Cosa sta succedendo nell’incrocio tra fabbricazione digitale e “Italian Style?

Carlo Ratti e Fabio Novembre ne discutono in un appuntamento speciale coordinato da Maria Grazia Mattei, ideatrice del programma Meet the Media Guru.

Negli ultimi anni le tecnologie digitali e interconnesse hanno avuto un forte impatto sulle nostre vite: dal modo in cui lavoriamo a come abbiamo accesso alle informazioni, alle modalità con cui ci incontriamo ed entriamo in contatto gli uni con gli altri.

In questa conversazione tra due grandi nomi dell’architettura e del design, l’obiettivo è esplorare tre punti: l’evoluzione dei processi produttivi grazie allo sviluppo delle nuove tecnologie; il cambiamento nel modo di vivere dovuto alla capacità d’interazione dei devices che utilizziamo ogni giorno; l’integrazione fisica tra tecnologia e design dell’arredamento che permette di avere nuove funzioni e servizi.

In questa fase di forte e veloce mutamento, come risponde la creatività italiana? 

Un incontro da non perdere.

Questa edizione MtMG Focus è in collaborazione con il Museo Bagatti Valsecchi.

Per iscriversi: www.meetthemediaguru.org

Ufficio stampa:

Manzoni22

Silvia Introzzi – cell. 335.5780314 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Camilla Palma – cell. 347.0420386 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

IF BOOK THEN Il futuro dell'editoria digitale: Milano, 19 marzo 2013

 

L’EVENTO INTERNAZIONALE

DEDICATO AL FUTURO DELL’EDITORIA

  

Martedì 19 marzo 2013

 

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia

Via San Vittore, 21 – Milano

ore 9.00 - 18.00

Milano, 19 marzo 2013 – Al via la terza edizione di IfBookThen, la conferenza ideata e organizzata da Bookrepublicper fare il punto sul cambiamento

imposto dal passaggio al digitale e rivolta a editori, autori, agenti letterari, distributori, librai e a chi lavora nella filiera editoriale.  Conferenza di così grande successo, da diventare internazionale (Stoccolma, 21 marzo e Madrid/Barcellona, Settembre).

IfBookThen è diventato il marchio in Europa intorno al quale si sviluppano le migliori opportunità di incontro e di discussione tra coloro che hanno a cuore il futuro dell’editoria e la sua migrazione nel contesto digitale. Abbiamo intenzione di aggiungere altri Paesi – dichiara Marco Ferrario co-fondatore di Bookrepublic e promotore di IfBookThen insieme a Marco Ghezzi e ci sono già contatti avviati in Francia e Germania. Una rete di eventi locali consente a chi vi partecipa di entrare in contatto in profondità con le comunità locali e non solo con la minoranza di coloro che si recano agli appuntamenti internazionali. L’idea è di espandere IfBookThen e di creare intorno ad esso un network di persone e di iniziative a livello europeo”.

Il programma di quest’anno è costruito intorno a 3 parole chiave: Tecnologia, Dati e Contenuti. È dalla capacità di integrare queste tre variabili che nasceranno le principali opportunità per gli editori; focalizzarsi sui contenuti non sarà più sufficiente.

 

Leggi tutto